italianoitalianoenglishenglish
Il Palio di Ferrara
1259 - 2011 Il Palio più antico del mondo
News
Diventare istruttori F.I.S.B.
Diventare istruttori F.I.S.B.
Diventare istruttore ed educatore F.I.S.B.: a Cesenatico in occasione dei campus ...
continua
Programma
Homepage  >  Città di Ferrara  >  Monumenti

Castello Estense - sec. XIV-XIX
Largo Castello - Tel. 0532 299233. Chiuso il lunedì
approfondisci

Cattedrale - sec. XII-XIX
Piazza della Cattedrale - Tel. 0532 207449
approfondisci

Casa dell’Ariosto - sec. XVI
Via Ariosto, 67 - Tel.0532 244949. Chiuso il lunedì
Fu fatta costruire da Ludovico Ariosto, probabilmente su disegno di Girolamo da Carpi. ‘Piccola ma adatta a me… e fatta con il mio denaro’ ebbe a scrivere il poeta. All’interno un piccolo museo dedicato al grande scrittore, con alcuni oggetti appartenutigli.

Casa Romei - sec. XV-XVI
Via Savonarola, 30 - Tel. 0532 234130 - Chiuso il lunedì
È un magnifico esempio di abitazione quattrocentesca. Costruita per Giovanni Romei, alla sua morte diventò parte del vicino monastero del Corpus Domini. Magnifico cortile. Al piano terra: sale affrescate (XV sec.) e piccolo museo lapidario. Al primo piano: sale con decorazioni del XVI sec., abitate di tanto in tanto dagli Estensi per periodi di riposo e meditazione.

Certosa - sec. XV-XIX
Viale della Certosa
Nata come monastero certosino, nel XIX secolo diventò il cimitero della città. È un complesso architettonico di grande interesse. Qui si trovano le tombe di Borso e di Marfisa d’Este. La chiesa, attribuita a Biagio Rossetti, è un interessante edificio del XVI secolo, contenente diverse opere pittoriche del tardo Rinascimento.

Chiesa del Gesù - sec.XVI
Via Borgo dei Leoni, 56 - Tel. 0532 205908
Costruita nel 1570. All’interno: un interessante gruppo in terracotta, il cosiddetto ‘Compianto su Cristo’ di Guido Mazzoni. Pale d’altare del Bastarolo e del Crespi. Dietro l’altare maggiore: mausoleo di Barbara d’Austria, seconda moglie di Alfonso II.

Chiesa di San Benedetto - sec. XV-XVI (ricostruita)
Piazzale S. Benedetto - Tel. 0532 200023
Dopo i gravi danni subiti nell’ultimo conflitto mondiale, la chiesa benedettina è stata ricostruita dopo il 1950. È opera di Biagio Rossetti, come anche il grande ex monastero, mentre il campanile è attribuito a Giovan Battista Aleotti.

Chiesa di San Giorgio - sec. XV-XVIII
Piazzale S. Giorgio - Tel. 0532 62231
Antica cattedrale di Ferrara dall’VIII sec. al 1135. All’interno: di fianco all’altar maggiore, magnifica tomba rinascimentale del vescovo Roverella. Tomba di Cosmè Tura. Interessanti le decorazioni a fresco della navata centrale. Da visitare anche il suggestivo chiostro.

Chiesa di San Francesco - sec XV-XVI
Via Terranuova. Tel. 0532 209646.
approfondisci

Chiesa di San Paolo - sec. XV-XVII - CHIUSA
P.tta Schiatti - Tel. 0532 765284.
È opera del 1575, realizzata su disegno di Alberto Schiatti. All’interno: dipinti dei secoli XVI e XVII, di Bastianino, Girolamo da Carpi, Scarsellino. Nell’abside: affresco ‘Elia rapito in cielo’, dello Scarsellino, opera fondamentale nello sviluppo della storia dell’arte italiana.

Chiesa di Santa Maria in Vado - sec. XVI-XVII
Via Borgovado, 3 - Tel. 0532 65127 - Antica chiesa ricostruita fra il 1495 e il 1518 e ridecorata alla fine del XVI secolo. All’interno: dipinti di Girolamo da Carpi, Mona, Bononi, Filippi. Nel transetto destro: ‘Tempietto del Preziosissimo Sangue’ (XVI sec.), edificato a ricordo di un fatto miracoloso che, secondo la tradizione, risale al 1171: stille di sangue sprizzarono dall’Ostia consacrata e bagnarono la volta della cappella, ancora visibile.

Ghetto e Sinagoghe - sec. XIlI-XVIII
Non si può parlare di Ferrara senza tener conto della presenza degli ebrei nella città. La comunità ebraica prosperò fino a tutto il Cinquecento grazie alla particolare protezione accordatale dai duchi d’Este. In quel periodo furono aperte varie sinagoghe. Intorno al 1627 gli ebrei furono segregati dal Governo Pontificio nell’area del ghetto e costretti a portare il ‘segno’ sull’abito. La chiusura durò più di due secoli: le porte furono riaperte per alcuni anni dopo l’occupazione francese del 1796, poi definitivamente con l’unità d’Italia. Le vie del ghetto sono: via Mazzini, dove, al numero 95, sorge l’edificio delle Sinagoghe, ancora in uso dalla comunità, che accoglie anche il Museo Ebraico; via Vignatagliata con gli edifici più antichi, alcuni dei quali risalenti al Trecento; piazzetta Lampronti e via Vittoria, dove, al numero 41, sorgeva la Sinagoga Spagnola, ora chiusa, i cui arredi si trovano in parte presso la comunità ebraica di Livorno.

Monastero del Corpus Domini - sec. XV-XVIII
Via Pergolato, 4 - Tel. 0532 207825 - Chiuso sabato e festivi
Antico convento fondato da Santa Caterina Vegri. Nel coro della chiesa: tombe della famiglia d’Este (Alfonso I, Eleonora d’Aragona, Lucrezia Borgia e altri).

Monastero di Sant'Antonio in Polesine - sec. XIII-XV
Vicolo del Gambone - Tel. 0532 64068 - Chiuso festivi
Complesso architettonico fondato nel 1249 dalla Beata Beatrice II d’Este. Nel coro si trovano alcuni cicli di affreschi fra i più importanti della città, della scuola di Giotto e della scuola ferrarese.

Oratorio dell’Annunziata - sec. XV-XVI
Via Borgo di Sotto, 49 - Tel. 0532 741009 - Chiuso festivi
Interessanti affreschi del XVI sec. (‘Le Storie della Croce’), opera del Bastianino, Camillo Filippi, Nicolò Roselli e altri. Dietro l’altare una ‘Resurrezione’ del XV sec., della scuola di Pisanello.

Palazzina Marfisa d’Este - sec. XVI
C.so Giovecca 170 - Tel. 0532 244949 - Chiuso il lunedì
Pregevole esempio di abitazione signorile rinascimentale, la palazzina, con l’elegante ‘Loggia degli aranci’ nel grazioso giardino, fu abitata da Marfisa, figlia di Francesco d’Este. All’in-terno: soffitti a grottesche della scuola dei Filippi, numerose sculture, mobili e oggetti d’arredamento rinascimentali. Nella Loggia degli Aranci la volta è decorata a finto pergolato con tralci di vite ed animali.

Palazzo Bonacossi
Via Cisterna del Follo, 5 - Tel. 0532 232911
Non visitabile - Fu edificato nel 1468 per Diotisalvi Nerone, un esule fiorentino. Semplice e austero, ha una torre merlata al centro e un elegante portale in cotto. Il cortile interno è attribuito a Girolamo da Carpi. L'aspetto attuale risale al 1572 quando fu acquistato da Francesco I d'Este per unirlo alla Palazzina Marifsa d'Este attraverso un giardino. Nel 1643 la proprietà passò ai conti Bonacossi. Destinato all’esposizione di collezioni d’arte dei Musei Civici d’Arte Antica, attualmente ne ospita gli uffici, la biblioteca e la fototeca.

Palazzo Costabili detto &lsquodi Ludovico il Moro’ - sec. XV-XVI
Via XX Settembre, 124 - Tel. 0532 66299 - Chiuso il lunedì
Costruito da Biagio Rossetti, presenta un cortile incompiuto di grande bellezza. Alcune sale del piano terra hanno affreschi del Garofalo (XVI sec.). Notevole il giardino neo-rinascimentale sul retro. Il palazzo ospita il Museo Archeologico Nazionale

Palazzo dei Diamanti - sec. XVI
C.so Ercole I d’Este, 21 - Tel. 0532 205844
approfondisci

Palazzo di Giulio d’Este - sec. XVI
C.so Ercole I d’Este, 16 - Non aperto al pubblico
Attribuito a Biagio Rossetti, fu probabilmente costruito per Giulio d’Este, fratellastro del duca Alfonso I.

Palazzo Massari - sec. XVI-XIX
C.so Porta Mare, 9 – Tel. 0532 244949
approfondisci

Palazzo Municipale (ex Palazzo Ducale) - sec. XIII-XIX
Piazza del Municipio
Fu la residenza della famiglia d’Este fino al XVI sec., quando la corte si trasferì nel Castello. Costruito nel 1243, fu ristrutturato a diverse riprese. Ai lati del volto di fronte alla Cattedrale si trovano le statue di Nicolò III a cavallo e del duca Borso sul trono. Il grande volto immette nell’antico cortile ducale, abbellito dallo scalone d’onore rinascimentale, opera dell’architetto Pietro Benvenuto degli Ordini. All’interno si ammira lo ‘Stanzino delle Duchesse’ con decorazioni a fondo oro del XVI sec.

Palazzo Naselli-Crispi - sec. XVI
Via Borgo dei Leoni, 28
È un esempio unico, a Ferrara, di architettura classica, opera di Girolamo da Carpi. Meritano una visita la facciata e l’elegante cortile, aperto nei giorni feriali.

Palazzo Paradiso (Biblioteca Ariostea) - sec. XIV-XVII
Via delle Scienze, 17 - Tel.0532 418200 - Chiuso festivi
Risale al l391. Nel XVII sec. fu modificato e divenne sede dell’Università degli Studi, funzione che continuò a svolgere fino al 1963. È ora sede della Biblioteca Comunale, con una ricca collezione di antichi volumi e manoscritti. All’interno: la tomba dell’Ariosto e il settecentesco Teatro Anatomico.

Palazzo Prosperi-Sacrati - sec. XVI
C.so Ercole I d’Este, 23
Di fronte al Palazzo dei Diamanti, è noto per il suo portale maestoso, forse il più significativo della scultura architettonica del Cinquecento ferrarese. Il restauro gli ha restituito la raffinata policromia originale, con i colori bianco, rosa e grigio oggi ben visibili.

Palazzo Renata di Francia - sec. XV-XVIII
Via Savonarola, 9
approfondisci

Palazzo Roverella - sec. XV-XVIII
C.so Giovecca, 47 - Non aperto al pubblico.
approfondisci

Palazzo Schifanoia - sec. XIV-XV
Via Scandiana, 23 - Tel. 0532 244949 - Chiuso lunedì
approfondisci

Piazza Ariostea - sec. XVI
Opera di Biagio Rossetti, autore anche dei due Palazzi Rondinelli e Bevilacqua che vi affaccano (gli unici due con il portico), attorno al 1930 fu risistemata come la si vede oggi. La statua di Ludovico Ariosto, nel centro della piazza, è della fine dell’800 e sorge su un’alta colonna cinquecentesca. L’ultima domenica di maggio si tengono qui le gare del Palio di Ferrara, con le corse dei putti e delle putte, delle asine e dei cavalli.

Prospettiva - sec. XVIII
Al termine di Corso Giovecca. - Fu edificata nel Settecento dall’architetto Mazzarelli con funzione di fondale scenografico del viale. In origine aveva solo tre archi ed era decorata con stemmi marmorei.

Via Volte
approfondisci

Sotto l’Alto Patrocinio della  Presidenza del Consiglio dei Ministri
Comune di Ferrara
Provincia di Ferrara
Regione Emilia-Romagna
Avis Ferrara
Camera di Commercio di Ferrara
Cassa di Risparmio di Ferrara
Fondazione Carife
Ferrara terra e acqua
Sefim
Croce Rossa Italiana
Ente Palio Città di Ferrara  -  Ente Palio Città di FerraraVia Mortara, 98  -  44100 FERRARA  -  Tel. +39 0532 751263  -  Fax +39 0532 752207
www.paliodiferrara.it  -  info@paliodiferrara.it  -  Copyright 2009 - 2014  -  P.IVA 00891910382  -  Credits kina.it